Utilizziamo cookie propri e di terzi per migliorare la tua esperienza di navigazione ed offrirti contenuti e pubblicità di tuo interesse. Se vuoi saperne di più clicca qui.

Benvenuti nel Blog di Natàlia Perarnau

.

Leggi i post del blog di Kids&Us

Se dicessi che trent’anni fa studiavamo in modo completamente diverso rispetto a oggi, non sarei del tutto obiettiva. Senza dubbio ci troviamo nel pieno diuna vera e propria rivoluzione tecnologica che ci consente di guardarecontenuti videoin streaming, archiviare documenti e fotografie sul cloud o controllare cosa avviene nellanostra abitazione attraverso lo schermo diuno smartphone. In ambito educativo, tuttavia, il rinnovamento dovuto all’introduzione delle nuove tecnologie è ancora agli albori. In verità, già da alcuni anni sono stati introdotti in alcuni ambiti scolasticigli schermi digitali, abbiamo assistito allo sviluppodi piattaforme educative come Moodle, e su YouTube stanno comparendo, giorno dopo giorno, molteplici canali dedicatiper approfondire le lezioni impartite in aula dai docenti. Ma, al di là di questo, il sistema educativo in generale è rimasto immutato. Continuiamo a imparare proprio come facevamo trent’anni fa: le stesse materie, le stesse aule, lo stesso metododi valutazione. 

Quindi, è tutta qui l’innovazione destinata al mondo dell’insegnamento?

Io credo di no. La tecnologia puòoffrire un contributo immenso alla didatticae, fortunatamente, vi sono sempre nuove idee in grado di aprire strade ancora inesplorate. Noi di Kids&Us abbiamo deciso di introdurre le nuove tecnologie nel nostro progettoal fine di fornire alle famiglie un ulteriorecanale di accesso ai nostri contenuti.  Ho sempre difeso l’importanza della presenza e del contatto umano, soprattutto quando si ha a che fare con i più piccoli, ma credo fermamenteche l’apprendimentodell’inglese debba proseguire anche fuori dalleaule. Per questo dobbiamo trovare il modo di far arrivare l’insegnamento ovunque si trovino i nostri studenti. Considerando il fatto che i corsiKids&Us sonoun’attività extrascolastica e che pertanto la presenza diretta dei nostri studentirisulta limitata, i nuovi strumenti digitali ci consentonodi portare l’inglese anche nella loro vita quotidiana, oltretutto in modo estremamente agevole. Non possiamo ignorarlo: checi piaccia o no, i bambini di oggipassano diverse ore sui dispositivi digitali. Quindi, cosa possiamo faredi meglio se nonessere presenti nei loro smartphone o tablet? Molte mamme e molti papà hanno espresso la propria preoccupazione legata al fattoche consentire ai propri figli di accedere alle appdi Kids&Us tramite i dispositivi mobili potrebbeportarli a entrare in contatto anchecon altri contenuti non appropriati per la loro età. La soluzione a questo timorenon credorisieda nella sceltatra lasciar utilizzare lo smartphone ai propri figlio proibirne l’uso, bensì nell’incoraggiare un accesso consapevole alle tecnologie dando ai propri figliun buon esempio, controllando l’uso che ne fannoe apportando tutte le correzioni necessarie. Si tratta dunque di collaboraretutti insieme. Se prendiamo in esame unicamente i rischi e le possibilidistrazioni derivanti dalle nuove tecnologie finiamo per perdere di vistatutti i vantaggi che ci possono offrire. 

Kids&Us ha deciso di scommettere sull’uso delle appin ambito educativo già da alcuni anni e, con il passare del tempo, abbiamo potuto constatare i grandi benefici che questa scelta ha portato ai nostri studenti.

Le appfacilitano l’accesso immediato ai contenuti, in qualunque luogo e in ogni momento. I giochi permettono agli studenti di imparare divertendosi, assimilandoin modo naturale tutte le nozioni apprese in classe. È proprio nel momento in cui i bambini sono contenti e rilassati che si attivano le reti neurali relative all’apprendimento. Inoltre, i giochi accrescono enormemente il lorolivello di motivazione. 

Vi sono molti casi in cui le nuove tecnologie sono riuscite ad affermarsi stabilmente. Direi che ormai questo processo è iniziato: il mondo dell’educazioneha davanti a sé un lungo percorso ricco di possibilità. L’innovazione didattica dovrà affrontare le sfide riguardanti la co-creazione di contenuti, l’uso dei Big Data che permetterà di adattare l’insegnamento alle necessità specifiche di ogni studente e, perché no, la possibilità di rivedere completamente il concetto di lezione.

L’innovazione in ambito educativo ci fornisce strumenti moderni che favoriscono l’acquisizione di nuove competenze, permettendoci di ampliare gli orizzonti della conoscenza. Pertanto, le nuove tecnologie destinate a mettere in atto questo rinnovamento rappresentano un ottimo strumento per migliorare la qualità dell’apprendimento, soprattutto per i più piccoli. Si tratta dunque ditrasformarle in nostre alleate per trarne beneficio in ambito educativo, usandole come risorsa per progredire nell’apprendimentodella lingua inglese.

  1. 1781
Condividi su >

Commenti

Lascia un commento

È necessario essere registrati per poter inserire un commento.